Thanks god it's... Wednesday!

By A.G. - Whatsinmybag - 1.6.11

Maggio è stato un mese decisamente impegnativo, le ultime settimane in particolare sono state intense, senza possibilità di poter riposare o staccare un po'.

Oggi però è mercoledì, che in genere non è una bella notizia perché vuol dire che siamo solo a metà settimana, in questo caso però il discorso è diverso: domani è festa e davanti a me ho un luuuuuungo weekend. 
Per questi giorni è prevista una piccola partenza e ciò principalmente significa preparare una valigia, o meglio un piccolo bagaglio che possa prevedere le millesettecentocinquantamila possibilità di questo finesettimana. Dramma!
Per motivi personali, ho sviluppato una notevole capacità di impacchettamento, ultimamente è stato un continuo spostarsi e quindi il problema "valigia" si è presentato molto spesso. Il più delle volte, come in questo caso, si tratta di portarsi dietro un bagaglio mini con delle possibilità maxi.
Il fatto che ormai sia quasi estate sistema diverse cose, e il piccolo bagaglio non deve affrontare maglioni spessi, lane varie e stivali pesanti, eppure anche se lo spazio è poco, ottimizzare il tutto non è semplice. 
Io ho deciso che affronterò la cosa in questo modo, affrontando la valigia step by step.

Per prima cosa occorre partire dal presupposto che ciò che ti porti dietro deve far fronte a eventuali scampagnate, cene fuori e uscite varie e simili, le mille varianti e le incognite rendono la scelta delle cose da portarsi un po' complicata, ma con un pochino di organizzazione la cosa si può fare.
La prima cosa è portarsi dietro un numero sufficiente di T-shirt, magliettine e canotte per ogni evenienza, meglio se declinabili sia per il giorno che per la sera.
Tank and T-shirt
Thanks to Polyvore
Il secondo pezzo chiave sono i jeans (ovvio direte voi :D ), vanno bene sempre ed in ogni occasione, meglio comodi e altrettanto versatili. Il jeans è un pass partout per moltissime situazioni, il giusto paio lo si abbina bene sia di giorno che di sera, basta giocare sugli altri elementi ed il più è fatto. 
Ora che l'estate sta arrivando, una cosa che spesso salva capra e cavoli in diverse situazioni, sono i vestiti.
Dresses
Thanks to Polyvore
Bianco, colorato, a fiori o a righe, classico nero, in tutte le salse un vestito è quasi sempre un asso nella manica da tirare fuori nelle emergenze, è pratico perché si indossa al volo e non si deve abbinare a molto altro se non alle scarpe.
Le scarpe, ecco l'annosa questione. Se lo spazio è poco non ci si può portare dietro tutte quelle che si desiderano, e se non si fa la scelta giusta, saltano tutte le scelte fatte fino ad adesso. 
In genere quando mi sposto per pochi giorni (per pochi intendo due/tre giorni) cerco di portarmi un paio di scarpe in valigia e di viaggiare con le sneakers ai piedi. Il paio di scorta deve essere comodo e anch'esso versatile come tutto il resto, ballerine o sandali possono risolvere il problema, se poi non si può fare a meno dei tacchi, io in genere opto per dei sandali con zeppa, magari non eccessivamente alti, comodi e anch'essi versatilissimi. 
Per completare tutte le varie combinazioni, come me porto sempre un cardigan leggero e/o un coprispalle o una giacca/blazer, una felpa se per caso il clima non è ancora stabile, accessori vari e una borsetta elegante. 
Ovviamente la valigia non si chiude qui, vanno aggiunte ancora altre cosine tipo il pigiama e la biancheria, e poi ovviamente il beauty case.
Ecco questo è un altro grosso problema, perché tra flaconi e flaconcini, il kit per il trucco, spazzola e quant'altro, creme e cremine, saponi vari, spazzolino e dentifricio si rischia di riempire una valigia intera. 
Io preferisco ottimizzare gli spazi anche in questo caso, primo per evitare di portarmi dietro mille borse e borsine, secondo per evitare le occhiate perplesse del mio fidanzato.
In ogni profumeria che si rispetti (o almeno in quasi tutte) si trovano dei praticissimi kit da viaggio composti da mini flaconcini di più dimensioni, scatolette varie, il tutto contenuto in un pratico astuccio. Per la sottoscritta sono la salvezza, perché travasando ciò che mi serve riesco a comporre un beauty poco ingombrante con tutto il necessario. 
Per quanto riguarda il trucco, meglio puntare sulle basi, ed io il mio kit da viaggio l'ho composto così:  
Fondotinta Almost Powder di Clinique, Luminys Touch di Pupa (buono anche come correttore, o almeno io lo uso anche così), Mascara Hypnose Drama di Lancome, Kajal nero Khol pencil di Kiko, Kajal pencil di Essence colore bianco, Long lasting stick eyeshadow n 25 (collezione Kaleidoscopic), , Ombretto Smokey eyeshadow di Kiko n 02 (collezione Coral Bay), Rossetto 02 Nude Rose di Pupa (collezione Very Vintage), Rossetto 01 Beige Dorée di Kiko (collezione Coral bay), Matita Glossy Lips n 06 di Pupa, Mini Eye shadow Brush di Catrice.
Questi sono i prodotti che uso come base e che porto sempre con me, poi a seconda delle esigenze scelgo uno o più ombretti colorati da portarmi dietro, in genere scelgo qualcosa di neutro e qualcosa di acceso, infine qualcosa per illuminare.

Il mio kit da viaggio

Ombretti da viaggio


Nonostante tutto questo sembri molto, molto meticoloso e frutto si una attenta organizzazione, al momento dei fatti, cioè al momento in cui mi troverò di fronte al borsone/minitrolley/valigia vuoto, so che il dramma si compirà e che un po' di frustrazione mi verrà ugualmente e questo perché scegliere è sempre una cosa ardua, specie quando si ha a che fare con i vestiti, però i consigli sono utili, come l'esperienza e con un po' di pratica e un po' di pazienza alla fine si riesce a compiere la missione e a partire felici e contente. 


E voi? come affrontate il vostro bagaglio?


un bacio


p.s. al momento della pubblicazione di questo post ho ancora la valigia vuota e 24 ore davanti a me per riempirla, fatemi un in bocca al lupo XD



  • Share:

You Might Also Like

0 commenti