A close up on make un n°16: Essence, Pennello eyeliner, da sfumatura, da blush; Catrice pennello ombretto

By A.G. - Whatsinmybag - 20.7.11

Diciamo che non mai usato molti pennelli, le dita molto spesso sono delle perfette alleate solo che in alcuni casi occorre un tratto più preciso, oppure si trattano prodotti che necessitano di uno strumento adatto per essere applicato, insomma un buon pennellino può fare sempre comodo anche a chi come me non è un'esperta.
Il problema è che molto spesso hanno un costo abbastanza alto e non sempre sono di buona qualità, e spendere 10/15 euro o più per un pennello che poi delude o che spela o con le setole pungenti come aghi di pino, non è proprio il massimo, come non lo è trovarsi di fronte ad un set di pennelli da 20 o 30 pezzi, completo di ogni tipo di strumento per il make up/ restauro/ stuccaggio, con un costo che generalmente parte da un minino di 20/25 euro fino a cifre improponibili che non hanno ragione di essere spese se non sei una make up artist o se non stai studiando per diventarlo.
Ecco le ragioni per cui con i pennelli ci sono sempre andata molto cauta e per ora ho resistito alla tentazione (fortissima tentazione!) di acquistare un set, anche di quelli più abbordabili che sono presenti sul mercato, cercando di sopperire alle mie piccole esigenze acquistando qualche pennellino in qua e in là.
I pennelli Essence sono stati una vera rivelazione, riuscire a recuperarli tutti è stata una vera impresa senza contare il mio scetticismo iniziale visto il basso costo, temevo di prendere una  il primo provato è stato quello per eyeliner che mi ha convinta della sua bontà sin da subito spingendomi a cercare anche gli altri due, cioè quello da sfumatura e quello da blush.



Tutti e tre i pennelli sono morbidissimi, hanno delle setole confortevoli e sulla pelle non pizzicano ne graffiano, lavandoli non hanno perso peli ne la loro morbidezza, giusto il pennellino da eyeliner dopo un buon numero di lavaggi è scolorito leggermente ma continua a fare il suo dovere senza perdere colpi.
Probabilmente non sono pennelli super professionali ma il loro costo e le loro prestazioni li rendono perfetti per l'uso quotidiano di una donna/ragazza normale e io li trovo veramente buoni.


Un altro pennellino che mi ha dato delle soddisfazioni notevoli è stato un pennello occhi di Catrice, con la punta piatta e larga a lingua di gatto preso per pura curiosità e rivelatosi di una morbidezza e precisione straordinari. Anche questo non perde un pelo, non graffia ne punge, ad ogni lavaggio torna perfetto e fa il suo lavoro egregiamente, il suo costo è di circa 4 euro, leggermente più elevato di quello dei pennelli essence ma è pur sempre ampiamente abbordabile a paragone con ciò che si trova sulla piazza e vista la qualità. Tra l'altro ha il manico molto corto, adatto ad essere portato in viaggio o in borsetta e viene venduto munito di una pratica custodia in plastica trasparente che lo protegge da eventuali incidenti.


Io ero alla ricerca di un buon pennello fatto in questo modo, ne avevo preso uno da Kiko, il n 202, pagandolo circa il doppio e rimanendo delusa visto che ho trovato le sue setole un po' durette ed ispide che sono leggermente peggiorate con l'uso e i lavaggi.
Non so se è capitato anche a voi o se la colpa è mia che ho trattato male questo pennello Kiko, fatto sta che a confronto con gli altri lavati e trattati nello stesso modo, l'unico da cui ho ricevuto una delusione è stato lui, gli altri, i pennelli Essence e il pennello Catrice, sono ancora impeccabili e pronti all'uso quindi io mi sento di consigliarli, costano poco, lavorando sodo e le loro prestazioni sono buone.

E voi? avete mai provato questi pennelli?

Un bacio

(foto: what's in my bag© )

  • Share:

You Might Also Like

3 commenti

  1. Ho il pennello da blush e mi ci trovo molto bene!L'unica pecca è che non sono facilmente reperibili..pensa che gli davo la caccia da febbraio e l'ho trovato allo stand solo a giugno!!

    RispondiElimina
  2. @Dani
    Ciao :)
    è verissimo, trovare questi pennelli è stata una vera sfida personale, c'è voluta tutta la santa pazienza del mondo per recuperarli tutti e tre, bisogna beccare il momento giusto, poco dopo il rifornimento degli stand, ed avere tanta fortuna. Quello da sfumatura sopratutto è stato il più difficile da beccare.

    RispondiElimina
  3. Conosco questi pennelli grazie al web ma purtroppo non ho Essence vicino (dista a 100 km.) quindi mi vedo costretta a rinunciarvi.
    Baci

    RispondiElimina