A close up on make up n°150: Glossip make up, Wet&Dry Baked Eyeshadow n° 17 Carnival in Rio

By A.G. - Whatsinmybag - 17.4.13

Ormai diverso tempo fa, metà Febbraio circa, ho ricevuto un pacchetto di prodotti da provare da parte di un nuovo brand, Glossip make up, nome che da diversi mesi a questa parte ha fatto molto rumore attraendo su di se l'attenzione di molte appassionate.
Il pacchetto che mi era stato inviato conteneva diversi prodotti, alcuni purtroppo non adatti a me o che non mi hanno particolarmente impressionato, di cui credo parlerò più avanti con le dovute considerazioni. Tra i vari prodotti che non mi hanno colpita, ce ne sono stati due in particolare che mi hanno impressionata positivamente e di cui invece voglio parlarvi, il primo di questi è un ombretto cotto ed è il protagonista della review di oggi.
Oggi dunque vi parlo di uno dei Wet&Dry Baked eye shadow pure color effect di Glossip make up, nel colore Carnival in Rio, pronte a saperne di più? Buona lettura!


La prima cosa che mi ha colpito di questo brand è stata l'immagine con cui si propone alle clienti, il marchio è un richiamo più che palese alla parola "gossip", che vuol dire chiacchiera o scoop, ricorda anche un po' un certo telefilm che è andato molto di moda negli ultimi tempi ed ha dei chiari e divertenti riferimenti alle parole gloss e lip, due termini che diventano simbolo di freschezza e giovinezza. 
Il packaging è curatissimo, basta con le solite classiche scatole nere che richiamano al professionale, ben venga un'immagine curata e pulita, amichevole e femminile. Le custodie e i supporti che contengono i prodotti sono tutte molto solide e molto curate, le plastiche sono piacevoli al tatto e niente mi ha dato l'impressione di essere poco solido o un po' troppo economico. 
La scatolina dell'ombretto è di forma quadrata, con un piccolo oblò per vedere il colore del prodotto, dentro c'è l'ombretto, racchiuso in una graziosa custodia in plastica solida con un coperchio in plastica trasparente. La PAO è di 12M, la quantità non è pervenuta. 


Carnival in Rio si chiama questo ombretto (n°17), ed in effetti è sufficientemente acceso e tropicale da rimandare alle atmosfere del carnevale più pazzerello del mondo. Il colore è in perfetta armonia con le tendenze per la prossima estate, un verde acqua carico, acceso, con tanto azzurro e quel giusto di verde per renderlo diverso dal solito, luminoso e vibrante. Fa pensare a mari tropicali, a cocktail estivi, a isole sperdute dove il sole è tanto forte da accecare e l'azzurro del mare e del cielo si confondono in un'unica sinfonia di celeste, ciano, verde e giallo. Stupendo.
Questo ombretto è del tipo "Cotto", uno di quegli ombretti dal tipico uso asciutto o bagnato, a seconda dell'intensità che desideriamo: per un colore brillante ma più smorzato, basta usarlo asciutto, per una lunga tenuta, un colore saturo e riflessi più accentuati, occorre usarlo bagnando il pennello prima di prelevare il prodotto.
Io non ho un buon rapporto con gli ombretti cotti, prima di capirne l'uso, quando furono lanciati all'inizio dei tempi, per me erano ombretti che scrivevano poco e pieni di glitter. Ve li ricordate vero i primi? Mi vengono in mente alcuni Pupa e i Color Sphere di Kiko che no, non hanno mai fatto per me. Ero giovine (Con la I, che sarà scorretto in Italiano ma rende bene in pronuncia), non sapevo bene ancora come usarli e c'è da dire che anche la tecnologia era un po' quella che era; poi è passato del tempo, ho capito e compreso, e gli ombretti cotti sono cambiati, e da glitteratissimi sono diventati satinati, seta pura e puro colore.
Così è questo ombretto, puro colore, senza nemmeno un glitter, e per questo io lo apprezzo tantissimo. Non ho nulla contro i glitter, sia ben chiaro (lo sapete insomma che io con i metallizzati, gli shimmer, i glitter ci vado a nozze), ma per questa tipologia di prodotto non mi hanno mai convinta, al tempo per me era fastidioso vedere tutti quegli splendidi riflessi e non poterli usare come volevo, senza contare che la superficie dei vecchi ombretti andava grattata un po' per ottenere più colore.


Il finish è satinato, delicatamente satinato, non ha particolari riflessi e non è troppo cangiante, la satinatura mantiene la sua bellezza anche durante l'applicazione ed ovviamente viene accentuata durante l'applicazione bagnata.
La formulazione è buona, meglio di quello che mi aspettassi dato il pigmento di colore azzurro, un po' antipatico in genere, ed il tipo di ombretto. Al tatto è setoso e morbido, non troppo polveroso e quando lo si preleva si prende una buona dose di colore; il prodotto è sì pigmentato, però per ottenere la massima intensità ha necessità di essere costruito un po' sulla palpebra, con più passate, pressandolo bene magari, per tirare fuori tutta la forza del colore.
La sfumabilità non è malvagia, ma non eccelsa, il pennello fa un pochino di fatica a portarlo dove voglio io, però nel complesso ha una buona condotta anche in questo senso.
La durata è buona, ma consiglio di usare un primer, non va nelle pieghe però tende un po' a sbiadire con il passare delle ore se usato senza un buon appoggio.


Nel complesso devo dire che questo ombretto mi è piaciuto tanto e che lo trovo tra i più interessanti, sia nella rosa di prodotti che ho ricevuto io, sia tra quelli di cui ho potuto leggere la recensione nei mesi scorsi.
Il prezzo di questo ombretto è di 6,90€, in linea con il costo medio di questo prodotto, la qualità comunque c'è e lo trovo un prezzo adeguato.
Al momento vi sono pochi punti vendita Glossip make up in Italia, a Bologna e a Genova se ne trovano ad esempio; per ogni altra informazione vi rimando al sito, che è anche uno shop online, dove potete curiosare con calma e farvi un'idea di questo nuovo brand: www.glossipmakeup.com.
Lo consiglio? Il prodotto mi è piaciuto e ho trovato questo ombretto molto valido, al pari di altri più costosi e migliore di altri meno costosi o di pari prezzo, mi ci sono trovata bene e non posso negarlo. Sicuramente sono ombretti da osservare, mi piacerebbe vedere se anche gli altri colori sono all'altezza di questo e sono altrettanto validi, e se così fosse, credo che questo possa essere un ottima opzione-ombretto per tutte coloro che amano giocare con il colore e sperimentare.

E voi? voi avete mai provato questo prodotto?

un bacio

N.b. il prodotto è un omaggio  dell'azienda Glossip make up, inviatomi a scopo valutativo, non sono stata pagata per parlarne, scriverne, mostrare immagini, ne sono collegata in qualche modo all'azienda, non sono stata soggetta a condizionamenti e quelle che esprimo sono le mie oneste, obiettive e personali opinioni.


  • Share:

You Might Also Like

10 commenti

  1. Davvero un colore molto bello!
    Io non ho ancora imparato bene a gestire gli ombretti cotti, continuo a preferire i normali ombretti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io prediligo gli ombretti normali, però i cotti satinati come questo e come alcuni altri che ho di Pupa sono stupendi e alla fine non sono nulla di più o di meno rispetto ai classici ombretti :)

      Elimina
  2. Bello che non abbia glitter. Di solito in questi ombretti cotti ce li mettono a palate *cough* KIKO *cough* ;)
    Carino anche il colore. Ne ho appena comprato uno simile in una super svendita. Non so quanto lo userò, ma l'ho pagato pochissimo e mi sono tolta lo sfizio ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, gli ombretti cotti di Kiko hanno una quantità di glitter pressoché indecente! Adoro gli ombretti cotti effetto satinato, sono molto più belli e si gestiscono meglio :)

      Elimina
  3. il colore è troppo carino,mi sbrilluccicano gli occhi :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il colore è decisamente ammiccante ;) Anche io ne sono rimasta colpita^^

      Elimina
  4. Che bel colore, mi piace davvero tanto, è molto luminoso. Ricorda tantissimo il mare =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Decisamente questo ombretto fa pensare all'estate :) Penso che lo userò moltissimo nei prossimi mesi^^

      Elimina