Beauty notes: When the blush goes nude...

By A.G. - Whatsinmybag - 28.4.16

Ho chiesto a voi quale post avreste voluto leggere per primo tra quelli che ho in scaletta e qualcuno ha risposto e la maggior parte ha voluto questo, tutto a tema blush.
Da qualche mese sono entrata in un tunnel senza uscita, mentre tutto il mondo è ossessionato dal contouring, io mi sono creata una piccola ossessione personale collaterale a questo trend, quella per i blush effetto nudo.
Il contouring ormai si sa è dedicato al definire i volumi del viso, si crea usando le terre ma anche polveri illuminanti (non necessariamente iridescenti, possono anche essere semplici colori chiari opachi), si usando fondotinta chiari e scuri, correttori, è tutto un gioco di chiaroscuri e in tutto questo alternarsi di luce e di ombra si inserisce il blush, e in particolare i blush di cui sto per parlare, che danno il tocco finale al nostro make-up.
Nell'immaginario comune il blush è quel prodotto che dovrebbe dare una nota di colore sulle guance, creando l'effetto salute come si suol dire, ma il blush però può essere utilizzato anche per definire e scolpire il volto, dando un effetto estremamente naturale e vedo non vedo, migliorando e in alcuni casi accentuando l'opera della terra. 
Se resto e sono una fanatica dei blush colorati, da qualche mese ho riscoperto la magia del blush effetto nudo, in grado di ammorbidire e completare il contouring, definendo al tempo stesso guance e zigomi.


I blush che creano questo magico effetto hanno dei colori che vanno dai marrone beige ai rosa color carne chiaro, quasi un biscotto in effetti, fino ai rosa carne un po' più scuri e ai marroncini albicocca. 
Quando si parla di blush effetto salute l'applicazione maggiore si concentra sulla parte più alta della guancia (the apples of the cheeks), per l'effetto sculpting si parte con delicatezza in corrispondenza dell'orecchio, anche un pelino più giù se vogliamo, e si sfuma verso l'interno del viso, oppure si parte da metà guancia facendo il percorso inverso. L'importante è non concentrare troppo il colore sulla parte più alta della guancia, restando nel punto più esterno.
Magari molte di voi già eseguono questi movimenti ma con blush più colorati, usando però delle tonalità più neutre l'effetto è completamente diverso, e il viso cambia completamente: il gioco di ombre si fa più morbido, il colore del blush addolcisce l'incarnato e dona un pizzico di dolcezza ed eleganza, e i volumi del viso sono più definiti e scolpiti dando però un impressione di massima naturalezza.
Chiaramente la regola d'oro è sempre sfumare alla perfezione, sfumare per stemperare i contorni della terra e dell'illuminante, per far sì che il prodotto in polvere sia invisibile nei suoi confini, che non vi sia troppo stacco tra il blush e il fondotinta, più il tutto sarà graduale e più il risultato sarà naturalissimo.


Parliamo ora di prodotti, ne ho selezionati quattro e vi danno un po' l'idea di ciò che intendo quando parlo di tonalità neutre o naturali.

- Pupa Milano, Like a doll Blush n°301: I blush di Pupa mi piacciono molto, quelli delle collezioni stagionali sono sempre fantasiosi e meravigliosi, ma i Like a doll opachi non li avevo mai provati e l'occasione si è presentata di recente, quando ho ricevuto la Mybeautybox di Marzo* creata da Robyberta. Nella mia box ho trovato il blush n°301, un colore bellissimo, una tonalità biscotto molto chiara dal finish completamente opaco. Roberta diceva che aveva usato questo prodotto per il trucco che ha indossato il giorno del suo matrimonio, forse mixandolo leggermente ad una tonalità sempre neutra ma più rosata.
A me piace, è una tonalità più decisa rispetta alle altre tre che sto per mostrarvi e sta bene sia su una pelle chiara che su una più scura, è un prodotto che quasi si può sovrapporre ad una terra/bronzer, scalda leggermente, e a seconda di come lo usiamo scolpisce con dolcezza.

- The Balm, Instain blush "Houndstooth": I blush The Balm non finirò mai di dirlo, sono di ottima qualità e gli Instain sono i migliori. Io ne possiedo due e uno di questi è un perfetto blush effetto nudo, e si tratta di Houndstooth, un nome complicato per un fard (uh come sono vintage!) color carne scuro con un pizzico di malva.
Tra i quattro che vi sto mostrando è quello più "intenso", su una pelle chiara non fa proprio un effetto nudo ma su una pelle leggermente più scura è perfetto. In ogni caso si uniforma bene al colore della pelle e la sua formulazione lo rende uno dei blush più resistenti che ho.

- Hourglass, Ambient Lighting blush "Mood Exposure"*: Torniamo sulle tonalità nude e finalmente vi mostro il blush che ha segnato l'inizio di questo mio fanatismo per l'effetto nudo, Mood Exposure di Hourglass, particolare, delicato e chiarissimo, il più ad effetto nudo, un marroncino chiaro con un pizzico di rosa che cambia moltissimo una volta indossato e può dare un effetto diverso a seconda della persona che lo indossa. Per me è semplicemente magico.
Gli Ambient Lighting blush sono una bellezza in generale, tempo fa vi parlai di Diffused Heat, e poco dopo ho avuto modo di provare Mood Exposure e mi sono innamorata di nuovo, sono davvero dei blush particolarissimi, che costano forse, ma che valgono davvero il loro prezzo.

Clinique, Cheek pop blush "Ginger Pop": Uno dei miei ultimi acquisti è stato un nuovo Cheek pop blush di Clinique, finalmente usciti in profumeria (prima erano esclusiva online), e la mia scelta è caduta quasi automaticamente su Ginger Pop.
Mi mancava un blush effetto nudo che fosse chiaro, dall'effetto delicato e più rosato, e Ginger Pop mi ha colpita all'istante, era lui ciò che cercavo. La mia splendida esperienza con l'altro colore che possiedo, Plum pop, mi ha convinta a comprare questo blush senza neanche battere troppo ciglio (tanto più che l'ho trovato in sconto in una profumeria indipendente della mia città).
Ginger Pop è un rosa pesca molto chiaro, ha una leggera satinatura che lo rende luminoso senza essere esagerato, si nota ma non si nota troppo, l'effetto c'è e si vede ma non è troppo evidente, ovvero ciò che chiedo da un blush di questo tipo.

da sx verso dx: Like a Doll 301, Houndstooth, Mood Exposure, Ginger Pop

Avete trovato tra i quattro che vi ho proposto un colore che provereste? I amo tutti i miei piccini ma ammetto che Mood Exposure e Ginger Pop sono quelli che prediligo.

Tutte le cose che vi ho raccontato fino ad ora non sono delle novità ma sono un tema molto centrale in questo periodo, per me sono delle scoperte o riscoperte e lo scopo di questo post era aprire una nuova prospettiva sul blush, dopo un lungo periodo in cui si è parlato di guance rosa/rosse ed effetto salute, approfondendo un po' per tutte coloro che ne sanno poco o vogliono saperne di più.
Perché la realtà è che esistono diversi modi per dare forma al nostro viso, per valorizzarlo, non occorre necessariamente essere una prode make up artist per farlo, ogni colore che userete avrà un effetto, basta scegliere in che direzione andare per avere make-up sempre diversi e look sempre diversi.
Io penso che continuerò con i blush effetto nude ancora per un pezzo, almeno fino alla mia prossima ossessione cosmetica e al prossimo tema da affrontare.

Voi usate questo tipo di colori? cosa ne pensate di questo modo di scolpire il viso? che tipo di blush usate più spesso e quale effetto preferite: un viso scolpito e naturale o un faccino effetto bonne mine?

Aspetto i vostri commenti!

un bacio

  • Share:

You Might Also Like

5 commenti

  1. Prima o poi mi concederò un blush The Balm, ne sento solo che meraviglie *__*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devi provarli! Fratboy è un mio grande amore <3

      Elimina
  2. Post interessantissimo come immaginavo, guarderò alcuni dei miei blush con occhi diversi da domani, credo di avere qualcosa di adatto per fare delle prove e capire come migliorare l'arte del contouring.
    I blush che preferisco in effetti non sono mai troppo accesi, devono colorare ma con discrezione ;) Baciii

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felice che ti sia piaciuto <3 Fammi sapere come andranno le varie prove che farai ;)

      Elimina
  3. Questo post è davvero illuminante! Non ho mai pensato ad utilizzare il blush per scolpire il viso, ci devo assolutamente provare! :)

    RispondiElimina