Beauty notes: From straights to curls

By A.G. - Whatsinmybag - 19.9.16


Nel post di oggi voglio svelarvi i miei piccoli trucchi per rendere i miei capelli lisci, belli mossi e ondulati; vi parlerò degli strumenti che uso (piastra e arricciacapelli) e dei prodotti che utilizzo e che mi aiutano a mantenere la piega tutto il giorno.
Ho iniziato ad imparare ad arricciare i capelli fallendo miseramente, ho fallito più volte in verità, finché prova che ti riprova ci sono riuscita. Ho rubato trucchi e segreti ai parrucchieri, ho seguito tutorial e mi sono dotata di una selezione di strumenti che potessero aiutarmi.
Quel poco che so oggi lo condividerò con voi, iniziamo:

1. Prep your hair: Prima di iniziare con la piega, i capelli vanno un po' preparati, specie se li avete lisci e sottili come i miei.
Se avete in programma di dare forma ai vostri capelli con piastra e quant'altro, il primo consiglio è usare per lo shampoo dei prodotti che aiutino a tenere meglio la piega, io ad esempio da diversi mesi a questa parte mi sono affidata totalmente a Davines e alla linea Your Hair Assistant, in particolare al Prep Shampoo e al Blowdry primer. Se non volete ricorrere a questi cercate qualche prodotto che tenga a bada l'umidità, che dia corpo e volume ai capelli, lo scopo è dare loro la capacità di modellarsi e di mantenere la forma che prenderanno.
Il secondo consiglio è un po' quello che danno tutti coloro che hanno a che fare con i capelli: boccoli e ricci tengono meglio se i capelli non sono proprio freschi di lavaggio, meglio farli il secondo giorno dallo shampoo.
Il terzo e ultimo consiglio è quello di usare prima e dopo la piega dei prodotti che fissino meglio la forma del boccolo o del riccio. Prima di usare il ferro io applico dello shampoo secco Colab, o classico o del tipo Extra Volume; mi rendo conto che questo tipo di prodotto è di difficile reperibilità, ma in alternativa si può usare un Dry Shampoo di altra marca (anche il Batiste può andare) oppure uno spray texturizzante, l'importante è che il prodotto applicato dia più spessore ai capelli, li renda più voluminosi e meno svolazzanti, al tatto più ruvidi e, a seconda del prodotto che usate, anche un po' più appiccicosi. In sostanza li state "sporcando" affinché essi si modellino meglio. 
Fatto ciò si può passare alla piega, e fatta la piega serve necessariamente della lacca. Ve ne consiglio tre che mi sono piaciute tanto: la classica Elnett di L'Oreal, fissa bene e fa il suo lavoro egregiamente; la lacca Volumizzante Volume alle stelle di Adorn, un prodotto pulito e delicato, ma dal buon fissaggio; l'ultimo è la mia lacca favorita di questo periodo quella di Tony&Guy, Firm Hold Hairspray di cui vi ho parlato nei prodotti preferiti dell'estate.

2. Start Curling: Va bene, siete armate di pazienza e i vostri capelli sono pronti per la piega, è tempo di imbracciare il vostro ferro e iniziare a muovere questi capelli.
Io possiedo tre ferri diversi, con tutti e tre si possono realizzare dei boccoli o dei ricci: una piastra straight and curl di Remington, un modello di qualche anno fa con temperatura regolabile, un ferro arricciacapelli di Rowenta, il Curling Tong ø25mm, e un ferro conico di Remington, il Pearl Ci95, con temperatura regolabile.

Con la classica piastra straight and curl si può sia lisciare il capello che arricciarlo, questo tipo di piastra tende più a creare un boccolo che un riccio vero e proprio, e lavora bene sia ciocche di capelli grandi, sia ciocche più piccole. La dimensione della ciocca da lavorare è sempre importante, più è grande e più il boccolo verrà morbido, più la ciocca è piccola e più il boccolo verrà sottile e definito.
Per utilizzarla occorre capire bene il movimento da fare, capito quello potrete fare esattamente tutto quello che volete. I capelli vanno inseriti nella bocca della piastra, tra le due placche che si riscaldano, a partire dalla base; una volta inseriti la piastra va fatta girare tra le mani, con un movimento simile a quello che si fa quando si accellera su un motorino ad esempio, o si esegue un rovescio nel tennis o nel ping pong. Vi farà ridere questo esempio lo so, ma girare il polso in quel modo è l'esatto movimento che dovete fare per fare un boccolo ben riuscito. Non fermatevi ora, continuate ad eseguire la rotazione finché i capelli non inizieranno ad arrotolarsi sulla piastra, fateli scorrere tra le due placche in modo che la piastra scenda fino alle punte: a quel punto il calore avrà percorso tutto il ciuffo e voi starete liberando dalla piastra un bel boccolo.


L'arricciacapelli di Rowenta è un ferro dotato di una pinza che consente di agganciare il capello e fare in modo che aderisca al ferro e prenda la piega.
La pinza va aperta e va inserito al suo interno la ciocca di capelli, si può scegliere di avvolgerla tutta al ferro oppure fare come me, chiudere la pinza, girare il polso come abbiamo imparato con la piastra precedente, e aprire e chiudere la pinza in modo che i capelli scorrano lungo il ferro e si arriccino. Alla fine il risultato sarà un bel boccolo morbido e definito.
Devo dire che questo strumento a me non piace molto, l'ho acquistata sperando che fosse di semplice utilizzo ma non sono soddisfatta, la qualità dello strumento non è all'altezza delle altre due che possiedo e la pinza esercita troppa pressione sul capello.


Il ferro conico è l'ultimo strumento che ho acquistato ed il mio preferito, forse è quello meno semplice da maneggiare visto che è tutta questione di manualità, ma il risultato che offre è proprio quello che cercavo.
Con questo ferro è meglio usare ciocche di dimensioni medio-piccole, il ciuffo va avvolto lungo tutto il ferro e si inizia appoggiando il ferro alla base dei capelli e girano il ciuffo manualmente fino alla punta. Detta così sembra facile, nella realtà è che vi servirà un po' di manualità per evitare che i capelli vi scappino di mano e per evitare di bruciarvi, la pratica ovviamente è la chiave del successo.
Altro consiglio che vi dò: tenete sempre la punta del ferrò verso il basso, e arricciate sempre la ciocca di capelli dalla base verso la punta, avvolgendolo intorno al ferro dalla base di questo verso la sua punta.
Con questo ferro ciò che ottenete è quasi un riccio, molto ondulato e molto bello, di dimensioni naturali, ideale per chi ha i capelli sottili e cerca volume e un look sbarazzino.


3. Last few tips: 

  • Dividete i capelli in sezione, fermateli con pinze o mollette, e iniziate con quelli più in basso, lasciando la parte alta per dopo, partite da un lato per andare poi all'altro. Per la parte alta dividetela anch'essa in sezioni, io uso la riga per individuare le due sezioni principali, e arricciate i capelli partendo dalla nuca per arrivare alla fronte. Il/i ciuffo/i davanti è/sono quello/i più critico/ci, fatelo questa parte per ultima e fate onde abbastanza morbide, in modo che scendano elegantemente sul vostro viso incorniciandolo.
  • Se avete capelli spessi, questi terranno meglio la piega e potrete lavorare con loro come preferite, senza preoccuparvi di perdere i boccoli o i riccioli così faticosamente conquistati.
  • Se avete i capelli lisci spruzzate la lacca subito dopo aver finito una sezione, in modo da fissarla immediatamente.
  • Finite le operazioni con ferro o piastra, ammorbidite i vostri boccoli/ricci con le dita: separate le ciocche in ciocche più piccole, aggiustate i ciuffetti che non sono venuti alla perfezione, in questo modo creerete il look finale, scegliendo voi se avere una bella testolina ricca di boccoletti e onde, oppure un mosso più morbido e voluminoso. 
  • L'ultimo passaggio è un altro colpo di lacca, che fissi il tutto e chiuda le operazioni di styling dei capelli.
  • Non fate queste operazioni se non avete tempo, anche se diventerete esperte vi servirà una buona mezzora e anche più per finire di arricciare i vostri capelli alla perfezione, e la furia è sempre un problema, per qualunque cosa.
Il post è venuto più lungo di ciò che volevo ma spero che sia stato interessante e chiaro, spero di avervi tolto qualche dubbio e dato dei buoni consigli per iniziare a prendere confidenza con piastre, ricci e boccoli. Non vi resta che dirmi cosa ne pensate del post, lasciatemi domande o dubbi, aspetto i vostri commenti.

un bacio

  • Share:

You Might Also Like

6 commenti

  1. Questo post è molto utile, specialmente per chi è alle prime armi! Come giustamente sottolinei tu, la pratica è la chiave del successo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, sono contenta che sia risultato utile e spero che tutti i passaggi siano chiari. La cosa che mette più in difficoltà è capire il movimento corretto da effettuare, specie se si utilizza la classica piastra, una volta capito quello basta solo esercitarsi ;)

      Elimina
  2. Il ferro conico mi manca, diciamo che per ora mi faccio bastare quello classico, nonostante la lentezza(ci metto più di 1h, da panico). Altrimenti per i capelli mossi uso una semplice spazzola rotonda di ferro e il phon al momento dello shampoo. Comunque ti ruberò l'idea dello shampoo secco, non ci avevo mai pensato. :-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io adesso ci metto una quarantina di minuti, ormai so come muovermi e faccio velocemente, però il tempo ci vuole, specie se si hanno tanti capelli e se si fanno ciocche piccole. Prova con lo shampoo secco, meglio se di quelli un po' appiccicosetti, è un'idea rubacchiata alle blogger straniere che usano sempre questo tipo di prodotti per dare volume ai capelli a cose normali, io l'ho applicata al pre-styling e ha funzionato ;)

      Elimina
    2. Per ora ho solo il Batiste classico, vedremo :) Sai che provai spruzzando un po' di acqua salata per indurire ma non ho ottenuto un buon effetto? Non ci vado daccordo con quei prodotti XD

      Elimina
    3. Sì gli spray salini sono un po' particolari, e non tutti hanno la stessa qualità tra l'altro. Prova con lo shampoo secco, vedrai funziona.

      Elimina