a close up on make up MAC MAC shop online ombretto refil

A close up on make n°79: MAC, ombretto refil Shale

Dei prodotti MAC si sente parlare moltissimo, sicuramente è uno dei brand più amati dalle appassionate e la frenesia per le uscite delle loro collezioni in edizione limitata è quasi pari a quelle per le uscite delle Trend Edition di Essence.
Nel mio primo ordine online, se ricordate, avevo inserito anche un ombretto, un refil per l’esattezza, il mio primo ombretto MAC. Dopo aver spulciato accuratamente la gamma colori e dopo aver chiesto mille consigli alle comari, ho scelto Shale, il protagonista di questo post.

I refil di MAC sono delle cialdine in metallo munite di magnete, sono piccole e leggere, grandi all’incirca come una moneta da due euro e sono fatte per essere inserite nelle palette magnetiche per crearne una personalizzata. La quantità in grammi è pari a 1.5.

Premetto subito che non possiedo una palette magnetica e che non so se mai ne prenderò una, l’idea di scegliere un refil piuttosto che un ombretto è nata dal fatto che il costo rispetto agli ombretti muniti di custodia è parecchio inferiore, volendo provare un ombretto MAC per la prima volta ho scelto questa opzione che mi è sembrata quella più economica e più pratica.
Shale è un colore assai particolare, a vederlo può sembrare un color tortora o un taupe, sul sito viene mostrato assieme ai colori violetti e viene definito quasi un malva, io credo che sia entrambe le cose, un colore molto chiaro e naturale con l’anima calda di un color malva che si avvicina al marroncino ma anche quella un po’ più fredda del color taupe.
Il finish è satinato, leggero e impalpabile, la superficie della cialdina è liscia e al tatto questo ombretto risulta estremamente piacevole e assolutamente non polveroso, anzi, direi che è fin troppo compatto.
Quando si preleva il prodotto si ha la sensazione di non prelevarlo, non intendo dire che non ne prende, che il colore non viene su, anzi, però è talmente compatta la sua polvere che quasi non si sente tra le dita. Quando lo si appoggia sulla pelle e si prova a stenderlo, ci si accorge della sua compattezza, caratteristica che ad un primo impatto può dare l’errata impressione che questo ombretto non scriva.

Non è così, questo ombretto scrive bene però è un po’ “duro”, mi ricorda quelle matite che scrivono ma che vanno scaldate un po’ per rendere bene. Shale non è il classico prodotto occhi che come lo tocchi ti lascia tanto colore quanto ne puoi vedere, con questo ombretto il colore va costruito, pennellata dopo pennellata; è un ombretto dal colore molto chiaro e molto naturale, un colore adatto a look nude o come base per degli smokey marroni, lo trovo perfetto anche da solo con giusto un po’ di eyeliner o matita e un po’ di mascara, è un colore chiave, di quelli che puoi usare sempre che non ti stanca e che può essere utilizzato in diverse occasioni.

Quando ho fatto la mia scelta, cercavo proprio un colore di questo tipo, qualcosa da poter usare molto spesso, perché dovendo scegliere un ombretto di un marchio con cui non ho molta confidenza e con un prezzo abbastanza alto (12 €), ho pensato fosse giusto sceglierne uno utilizzabile in tanti modi diversi, per verificarne la bontà e un po’, lo ammetto, anche per ammortizzare la spesa.
Lo consiglio? se siete alla ricerca di un ombretto con queste caratteristiche, sceglietelo. Se siete intenzionate a comprare un ombretto mac per la prima volta, vi consiglio di procedere come ho fatto io, scegliendo un refil e spulciando i vari swatch in rete per decidere quale fa per voi, il prezzo è alto ed è giusto scegliere in base alle proprie esigenze. Comprerò altri ombretti di questo marchio? Non lo so, forse.
E voi? voi avete provato questo prodotto?
Un bacio

Leave a Reply