a close up on make up Color Stay Ultimate Suede lipstick opinioni review Revlon Rossetti satin

A close up on make up n°163: Revlon, Color Stay Ultimate suede lipstick n°010 Womenswear, 085 Trendsetter

I rossetti mi piacciono, c’è poco da fare, e quando salta fuori qualcosa di nuovo su questo fronte, io non resisto proprio, devo sapere, provare e conoscere.
Così è stato per i nuovi Ultimate suede di Revlon, nuovi rossetti della linea Color Stay che vi presentai diverso tempo fa e che osservando le foto promozionali mi fecero letteralmente cadere dalla sedia dallo stupore.
La scimmietta curiosa che è in me non poteva ignorare la cosa, impossibile ricacciare indietro il ronzio della pulce nell’orecchio, così, armata di 20% di sconto e successivamente di promozioni varie, sono andata alla ricerca del prodotto agognato.
Ne ho presi due, in tempi diversi, oggi ve ne parlo e vi racconto come mi ci sono trovata, le considerazioni da fare sono moltissime perché questi rossetti sono, nel bene e nel male, una delle cose più particolari che ho visto in termini di prodotto labbra, da molto tempo a questa parte. Curiose di saperne di più? Buona lettura!


I Color Stay Ultimate Suede di Revlon si presentano con un look un po’ diverso dai soliti rossetti del marchio, l’aspetto è quello di una capsula trasparente, tappo compreso, che contiene lo stick vero e proprio, anch’esso in plastica, mezzo nero e mezzo colorato dello stesso colore del rossetto.

Il primo impatto dal vivo con gli Ultimate suede è stato un po’ strano, ero partita con un’aspettativa precisa nella testa, “rossetto ad alta pigmentazione opaco” e mentre provato i colori disponibili sulla mano mi rendevo sempre più conto che qualcosa non tornava, sembravano semitrasparenti e più lucidi di quel che dovevano. Lo confesso, ne stavo rimanendo profondamente delusa, tanto che improvvisamente mi sono apparsi meno attraenti di quel che pensavo e alla fine, dei tre che volevo, ne ho preso solo uno e se non fosse stato per lo sconto, probabilmente non avrei preso nemmeno quello.
Il primo che è venuto a casa con me è stato Womenswear, un rosa chiaro un po’ strano, a metà tra il freddo e il caldo, uno di quei colori che io porto spesso di giorno e che in genere sono un po’ i miei pass par tout quando non ho il tempo di pensarci troppo.
La prima cosa che ho notato quando ho aperto il tappo è stato l’odore strano che hanno, non è cattivo, ma non è nemmeno un qualcosa che assocerei ad un profumo, non è assolutamente persistente però e smette di essere percettibile una volta messo il rossetto.
Quando l’ho steso la prima volta mi sono detta che avevo preso una fregatura, il rossetto sembrava fin troppo lucido per essere il colore opaco che credevo e non riuscivo a farmi un’idea della pigmentazione,  lo stavo provando di sera, sotto luci calde e un po’ buie e il risultato finale non era questo granché che immaginavo. Il giorno dopo l’ho riprovato, ho fatto un paio di passate, poi sono uscita, mi sono accorta nel mentre del trucchetto dietro questo rossetto e lì ho realizzato che l’apparenza mi stava ingannando, almeno in parte.
Gli Ultimate suede quando si provano o si “swatchano”, per dirla alla beautybloggese, appaiono sheer e lucidi, quando li si indossa e si da loro il tempo di assestarsi, si nota come essi si asciughino sulle labbra e cambino. Il rossetto diventa meno lucido, il pigmento in qualche modo si assesta sulle labbra diventando coprente, il finish prende una piega satinata morbida, leggermente lucida sì ma non gloss, una magia insomma, che trasforma il rossetto in un qualcosa di molto diverso.
Sull’onda di questa prima esperienza, di recente, grazie ad altri sconti, ho deciso di prendere anche il secondo colore, Trendsetter, il rosso ciliegia della collezione da cui mi aspettavo grandi cose, che si comporta esattamente come l’altro rossetto ma che però in termini di colore un po’ mi delude, poiché mi aspettavo maggiore intensità.

La formulazione di questi Color Stay Ultimate suede è strana, sono rossetti secchi ma scorrevoli, lavorano per strati sottili e si riescono a modulare abbastanza bene; nel momento in cui li mettete sulle labbra non si sentono, ma man mano che essi si “asciugano” e si fissano, si sentono sulle labbra e con il passare delle ore la cosa non cambia, non tendono a seccare in modo particolare, almeno su di me, ma non giurerei che su persone con labbra più suscettibili la cosa sia ben diversa.
La durata è ottima, una volta fissati restano sulle labbra a lungo, sono no transfer e tengono bene anche di fronte a pranzi, cene e pasti simili, anche se in questi casi tendono un po’ a cedere e a perdere di intensità.
Non li userei come basi per altri tipi di rossetto, per dei layering quindi, perché tendono a formare una superficie che ostacola il passaggio di un prodotto diverso da loro, ben vengano i gloss invece, i quali trovano posto e gioco sopra di essi.
La pigmentazione è buona, anche se da Trendsetter mi aspettavo di più, l’ho già detto prima ma è quello che mi ha “deluso” un po’, mi aspettavo un bel rosso, invece lo trovo un po’ blando, anche se resta un colore abbastanza carino.
Per rimuoverli occorre uno struccante, tendono a lasciare delle tracce e specie Trendsetter lascia le labbra leggermente colorate di pigmento.

Trovo che questi rossetti siano assai particolari, non basta un giorno per capirli, hanno delle peculiarità, caratteristiche che non si trovano facilmente nei rossetti classici, e dei pro e dei contro.
A me sono piaciuti entrambi, anche se si sono rivelati un po’ diversi rispetto a quello che credevo, non sono rossetti opachi, questo va precisato, piuttosto creano un piacevole effetto satin sulle labbra, molto piacevole e molto bello da vedere nel suo complesso.
La cosa che mi ha creato disappunto è che, almeno per i colori che ho acquistato, ho trovato che questi rossetti pecchino un po’ in intensità e forza di colore, il che può essere un bene, perché preferisce rossetti più blandi, ma un po’ un lato negativo per chi ama i rossetti che si notano ad un miglio di distanza.
Il prezzo è sui 14,90€, voi sapete che io non mi scompongo facilmente per un prezzo così, ma in questo caso lo reputo eccessivo, avrei tolto almeno 4€ e li avrei proposti ad un costo inferiore, suggerisco quindi di acquistarli con degli sconti, se siete interessate, ultimamente ve ne sono diversi in giro di interessanti.
Li consiglio? Bella domanda, non so, questi rossetti a momenti mi esaltano e a momenti mi fanno venire i dubbi, li trovo stupendi per la loro durata ed effetto sulle labbra ma ogni volta che penso alla pubblicità con cui sono stati reclamizzati sento il classico rumore da gesso che stride sulla lavagna, qualcosa non torna e qui mi viene in mente che la colpa non è del prodotto ma dell’alta aspettativa che mi era stata instillata.

E voi? voi avete mai provato questo prodotto?

un bacio

24 Comments

Leave a Reply