Adele challenge Diego Dalla Palma Geisha look manicure Mirror Ball Orly rossetto rosso rosso natale Rosso perfetto smalto

Tag: The Christmas Advent Challenge – The Perfect red

Novembre ormai volge al termine e noi diamo inizio alla The Christmad Advent Challenge, scatta oggi questa nuova avventura tutta Dicembrina creata da me e da Rita e le ragazze di CDM, speriamo tutte che vi divertirete e vi ringrazio fin da adesso per l’entusiasmo con la quale questa iniziativa è stata accolta.
Il primo tema sono quasi certa che piacerà a tutte, il titolo è The Perfect red ed è un aperto invito a mostrarci il vostro rosso Natale perfetto, in qualunque forma esso si presenti, che si tratti di un prodotto di make up o un oggetto, un trucco o una nail art, un capo di vestiario o un accessorio, una decorazione, insomma quello che volete come volete.
Qui trovate il post di Luisa, è lei a scrivere la prima partecipazione di CDM alla Challenge, non so voi ma io sono molto curiosa, non ho proprio idea di quello che lei abbia preparato, come del resto non vedo l’ora di vedere tutti i vostri post.
Non dimenticare di seguire la nuova board dove raccoglieremo tutti i post, per trovarla basta seguire questo link: http://it.pinterest.com/gramigna14/the-christmas-advent-challenge/
Come al solito scatteranno le condivisioni, condivideremo i post su Pinterest e in contemporanea su twitter, seguiteci e non dimenticare di segnalarci gli articoli con tag sui social o condividendo sulle nostre pagine facebook, come pure di usare l’hashtag #TheChristmasAdventChallenge così da essere rintracciabili.
Venendo a noi e al mio post, io dopo molto riflettere sono rimasta in campo make up, ho immaginato di strutturare questo post in un milione di modi diversi, ma poi ho capito che l’unico modo per spiegare cosa possa essere il rosso perfetto per me, e in particolare il rosso natalizio per eccellenza, era quello di scavare nei ricordi, e di raccontarvi qualcosa in più di me. Tra poco capirete anche il motivo di questo preambolo, lasciatevi guidare in questo piccolo viaggio attraverso i miei ricordi.
Vedete, io e il colore rosso abbiamo un rapporto particolare, su di me esercita ed ha sempre esercitato un fascino incredibile, sin da quando ero ragazzina ho sempre provato attrazione per questo lui e man mano che crescevo e sono cresciuta ho sempre adorato circondarmi di piccoli dettagli rossi, un accessorio scarlatto, magari una borsa rossa, o un portafogli rosso, un braccialetto. Dopo un po’ è arrivato il rosso anche nel make up il rossetto rosso nel mio immaginario di ragazzina è sempre stato quell’oggetto che solo donne bellissime potevano indossare, o le donne adulte e di classe, le dive anche, non certo io, biondina e un po’ rotondetta, e per tanto me ne sono sempre privata, almeno fino ad un certo punto.
Crescendo e imparando e acquisendo fiducia in me le paturnie sono passate, una me non più tanto ragazzina decise di cambiare le regole del gioco, dopo poco tempo il mio primo rossetto rosso è stato acquistato proprio sotto le feste natalizie, ero rimasta folgorata da un rosso pieno e puro, di quelli che quando li indossi ti fanno sentire unica. Quel rossetto in effetti mi ha fatta sentire speciale innumerevoli volte ed è stato anche il prodotto che ha sdoganato l’uso di questo colore sulle labbra, e forse anche quello di molti altri.
In ricordo di quel momento ho deciso di mostrarvi un abbinamento labbra e unghie rosse, per celebrare non solo il Natale  ma anche il momento in cui il rosso è entrato nei miei cassetti make up e nella mia vita di tutti i giorni. Mi sono messa a cercare tra ciò che possiedo qualcosa che fosse rosso tanto quanto quel primo rossetto che oggi non possiedo più. I requisiti pochi: doveva essere eccezionale, natalizio (quindi acceso e brillante ma non troppo squillante) non passare inosservato e calzante come un abito su misura.
Se da poco tempo ho scoperto che Damn Glamorous è il mio rosso pass partout perfetto, trovo che lo stesso non sia abbastanza natalizio, ci voleva qualcosa di più “va va voom” e festoso. Dopo aver accuratamente frugato nei miei cassetti il rossetto rosso perfetto per questo post è saltato fuori, il Liquid Lipstick “Geisha” di Diego dalla Palma*, facente parte della collezione La topolotta di questa Primavera: questo rossetto liquido è adatto a celebrare il ricordo del mio primo rosso come l’inizio delle feste natalizie, è un rosso molto simile a quello di allora, non passa inosservato, è festoso ed è proprio il tipico rosso natale per me, possiede il finish vellutato che io amo tanto, è intenso quanto basta, ed è a lunga durata, cosa che non guasta mai se si devono affrontare lunghi festeggiamenti natalizi.

La ricerca dello smalto da abbinare è stata più complessa, con lo smalto rosso sapete che non vado molto d’accordo, non so perché su di me appare sempre strano o costruito, ci vuole proprio il tipo di colore adatto per far sì che questo trionfi sulle mie mani e che sia perfetto. Anche la formulazione non va affatto sottovalutata, alcuni smalti rossi finiscono sempre con l’essere troppo sottili, troppo sheer o poco consistenti,e io di rossi puri confesso di averne trovati pochi davvero soddisfacenti, molti lampone magari, molti corallo, altrettanti fragola, ma di rossi puri davvero pochissimi.
Poi è successo che ho incontrato Zoya Carmen*, questo smalto mi è stato inviato ormai parecchio tempo fa e quando l’ho visto ho sbuffato alla vista dell’ennesimo smalto rosso. Poi l’ho provato, provo sempre tutto almeno una volta, e una certa magia è scattata: Adele è un rosso classico bellissimo, lucido, elegante e dall’aspetto pieno e spesso, eccolo dunque lo smalto rosso perfetto che stavo aspettando.
Una volta indossato l’ho subito sentito parte di me, a Geisha si abbinava alla perfezione, però qualcosa ancora mancava, mi sono chiesta come potevo fare ancora più “mie” queste unghie tinte di rosso, io che con gli smalti rossi mi sento sempre un po’ a disagio, troppo adulta anche se ormai adulta lo sono davvero, avevo bisogno di dare una nota personale a questa manicure, più sbarazzina, e ho iniziato a giocare, finché non è venuta fuori l’idea perfetta.
Si tratta di uno sbuffo, una scia, un velo di sottilissime e finissime particelle iridescenti e argentate con cui creare un accento di colore solo su pollice e anulare, qualcosa di facile da realizzare ma dall’apparenza complessa, che lasciasse di stucco tutti, me compresa. Ho preso Mirror Ball di Orly, dalla collezione natalizia 2014 Sparkle, uno smalto argento shimmer a base trasparente e olografico, per un effetto arcobaleno, e a mano libera ho tracciato uno sbuffo di colore facendo sì che la pennellata attraversasse l’unghia e andasse naturalmente a sfumarsi.

Geisha e Carmen insieme incarnano il mio concetto di rosso Natale perfetto, la scia olografica e argentata di Mirror Ball rende tutto molto personale, questo look per me rappresenta il ricordo di ciò che ero e ciò che sono oggi.
Penso che chiuderei questo look semplicissimo con un trucco occhi classico, magari con un tortora brillante sugli occhi e per variare un po’ una riga di eyeliner blu petrolio, un outfit comodo ma studiato, e poi la mia borsa rossa preferita, un bauletto di Guess con tanto di tracolla che ad ogni Natale tiro fuori e che non vi mostro in foto solo per una mia sciocca dimenticanza a cui spero di porre rimedio quanto prima.

Insomma questo per me è il rosso Natale perfetto e anche il rosso perfetto per eccellenza, sensuale, brillante, carico di significato e di ricordi, quel rosso che per me ha sancito il passaggio da ragazzina insicura a ragazza e donna che non vuole avere a che fare con certi preconcetti, che indossa il rosso perché la fa sentire speciale.
Che ne pensate dei miei due rossi perfetti? E dell’accent manicure?

Un bacio e buona Challenge a tutti!

N.b. i prodotti contrassegnati con * mi sono stati inviati a titolo gratuito dalle rispettive aziende a  a scopo valutativo, non sono stata pagata per parlarne, scriverne, mostrare immagini, ne sono collegata in qualche modo all’azienda, non sono stata soggetta a condizionamenti e quelle che esprimo sono le mie oneste, obiettive e personali opinioni.

No comments

Leave a Reply