Beauty notes colori base consigli Daniel Sandler eyebrow design set kit sopracciglia mascara duo mascara marrone Naked Basic 2 opinioni Physicians Formula Pupa

Beauty notes: All you can’t see but you can feel

I prodotti che mi stanno entusiasmando in questo periodo sono molti, ma in particolare mi stanno piacendo quelli che utilizzo per le “operazioni di base” di ogni look, tutto ciò che è basilare per la riuscita di un buon trucco, i piccoli dettagli che creano l’armonia, la sfumatura, la naturalezza, le ombre giuste, quello che in qualche modo fa la differenza.
I piccoli interventi di alcuni prodotti si vedono ma non si vedono, se mancassero se ne sentirebbe immediatamente l’assenza, ed è per questo che sono così importanti e fondamentali…

Il primo prodotto basic che mi sta entusiasmando e che sto utilizzando da diverse settimane è l’Eyebrow Desing Set di Pupa nel colore 001*, un piccolo astuccio che sta nel palmo di una mano e che dentro ha tutto quello che può servire per le nostre sopracciglia: pinzette (che funzionano!), pennellino+mini scovolino, una cialdina di cera per dare un primo tocco di colore leggero e disporre le sopracciglia e una polvere, opaca chiaramente e di colore chiaro, per fissare la cera, riempire i piccoli buchetti e dare maggiore definizione dove serve.
Era la prima volta che avevo tra le mani un set di questo tipo e mi piace tanto, la cera va usata per prima,  si stende su tutti i pelletti ed aiuta a dare loro la forma che vogliamo mettendoli in ordine, è leggermente colorata ed aiuta a uniformare la tonalità delle sopracciglia; la polvere si usa successivamente ed è l’ideale per andare a ritoccare e riempire dove serve in modo delicato e per fissare la cera. Il kit 001 presenta le colorazioni più chiare e va molto bene per chi è bionda come me, un biondo cenere, ma anche per chi è castana.

Non si può parlare di basi senza menzionare qualche ombretto opaco, i miei di riferimento sono da più di un anno quelli di Urban Decay, contenuti nella palette Naked Basic.
La Naked Basic 2 è arrivata da poche settimane e già fa una forte concorrenza alla mia amata, i colori sono molto belli, adoro questo leggero sottotono rosato che hanno, si sposano alla perfeziona con gli ombretti borgogna e i rosati che sto usando assiduamente, Undone è un grigio scuro che pare pensato per me, stupendo per definire la rima inferiore e dare profondità nella piega e Stark, uno dei rosa più chiari, un colore di una morbidezza perfetta per sfumare qualunque linea.
Rispetto alla 1 trovo gli ombretti della Basic2 ancora più pigmentati e cremosi e mi piace forse di più, mi è più congeniale. Di fronte a queste palette non si può dire “qual è la migliore tra le due?” come non si può dirlo per le Naked grandi, tutto dipende da quali colori usate di più, in particolare quali sottotoni preferite: la Basic è più orientata verso i toni neutro/giallini (io l’ho usata per un anno intero con qualunque tipo di colore ed è sempre andata alla grande), la Basic2 invece è orientata più su quelli rosati e freddi, anche se non troppo freddi, la scelta sta tutta a voi in ciò che preferite ed in ogni caso, ve lo assicuro, che ne abbiate una o entrambe le userete assiduamente allo stesso modo e non potrete più farne a meno.

Una piccola scoperta che ho fatto molto recentemente e che non potevo non menzionare in questo post è stata fatta per merito del mascara Duo di Physicians Formula, trovato nel kit Custom Eye Enhancing Kit. Questo mascara ha un lato nero e un lato marrone, gli scovolini sono entrambi in silicone e quello nero è estremamente grosso e cicciuto; quello marroncino invece è più piccolo, meno ciccione e il colore del prodotto è un marrone chiaro, quasi un color cenere. Questo secondo colore ha attratto subito la mia attenzione e d’istinto l’ho voluto provare sulle ciglia inferiori ed era semplicemente perfetto. Ho sempre voluto trovare il modo di definire meglio quella zona, ma con il mascara nero mi sembra di ottenere sempre un effetto strano e disordinato; con questo mascara marroncino però l’effetto è tutt’altro, mi aiuta a definire meglio la rima inferiore, che mi serve per sottolineare meglio la forma dell’occhio, il tocco in più di questo mascara accentua tutto questo e apre ancora di più lo sguardo. Il colore così chiaro poi è semplicemente perfetto.

L’ultimo prodotto di questo post è il Watercolour fluid blusher di Daniel Sandler nel colore Cherub, già debitamente recensito. Lo inserisco perché ogni volta che lo uso mi innamoro di nuovo di lui, è uno dei blush più naturali che ho, liquido e facile da applicare sulle guance, in un attimo accende di colore il mio viso senza però dare troppo nell’occhio. E poi è pratico e piccolino, non servono pennelli con lui bastano solo le dita, è quindi veloce da usare e poi sta benissimo con qualunque tipo di trucco, si vede ma non si lascia notare in modo eccessivo. Insomma ormai per me è un amico fidato. 

Si conclude qui questo appuntamento, avete domande o consigli da dare? curiosità in più sui prodotti di cui vi ho parlato? E quali sono i vostri fidati prodotti “vedo non vedo”?

un bacio

No comments

Leave a Reply